info@audiochic.com

perani@adeogroup.it

© Copyright 2018 Audiochic srl :: Architectural Multimedia 

Reg. impr. di Brescia, C.F. e P.IVA 02562370987 
Repertorio economico amministrativo 460127 
Capitale sociale Euro 30.000,00 i.v.

  • Google+ Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Musica Digitale e MQA - terza parte -

June 4, 2019

 

Il Playback

Il file contenente la codifica MQA può essere aperto a diversi livelli, per adattare la massima qualità possibile in funzione dell'hardware usato. Quando aperto al massimo, tramite un apparecchio con circuitazione FULL DECODER, si avrà la miglior qualità possibile. Ci possono poi essere altri livelli intermedi per hardware meno sofisticato. Il file può essere letto anche da dispositivi sprovvisti di codifica MQA, in quanto totalmente retrocompatibile (ricordo che il contenitore del file codificato MQA è un file FLAC o ALAC !)

Esempio di come un file MQA può essere decodificato a secondo del dispositivo usato per la riproduzione.

Generalmente, i decoder MQA riaprono il file all'interno del quale ci sta la codifica MQA automaticamente, fino a quando l'hardware lo consente. Le quattro tipologie di hardware che troviamo sul mercato sono: NO DECODER, MQA CORE, MQA FULL DECODER, MQA RENDERER.

 

 

  • No Decoder.
    Non è necessario avere un decoder MQA per riprodurre la qualità standard di un file MQA, rinchiuso all'interno di normali "contenitori" FLAC o ALAC. Il file all'interno del quale si racchiude l'origami MQA è compatibile con tutti i player (in grado ovviamente di riprodurre file FLAC o ALAC).

  • Stream Authentication.
    Il player riconosce che sta ricevendo un file MQA ma l'hardware è limitato ad una sola frequenza di campionamento (44,1 o 48KHz). Il decoder prepara il segnale per avere la massima qualità possibile in funzione del DAC implementato (o 44,1 o 48KHz).

     

     

     

     

     

     

     

     

     

 

 

 

 

 

 

 

 

MQA CORE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima riapertura dell''origami recupera le informazioni relative alla gamma di frequenze fino a 48KHz (A+B). i dati relativi alla gamma B sono affogati sotto il livello di rumore nella parte A. Il decoder MQA CORE rende disponibile il segnale per l'uscita analogica integrata o digitale a 88.2 o 96 kHz, non di più. La qualità del suono è superiore rispetto ai dispositivi "No MQA" o "Stream Authentication", ma inferiore a un decoder "FULL". I prodotti che contengono un decodificatore MQA CORE possono fornire sull'uscita digitale il flusso non codificato (per cui passarlo ad un altro apparecchio che convertirà il file MQA) o dell'uscita diretta Core (decodificata), a condizione che venga passato il file con la precisione del bit (nessuna elaborazione). Anche il segnale MQA CORE è formattato per adattarsi al meglio ai DAC usati nell'hardware. Il segnale digitale in uscita dal decoder può essere trasferito attraverso interfacce come Lightning o USB a dispositivi portatili, come le cuffie digitali per esempio, e mantenere così la possibilità di un suono di alta qualità a valle.

MQA FULL DECODER

 

ll FULL DECODER riconosce lo stream (file) e lo autentica. Prosegue l'apertura al CORE e  ad ulteriori livelli di dispiegamento a seconda del file originario e dell'hardware a disposizione. La decodifica creerà poi un file specifico contenente anche correzioni/compensazioni in base al DAC usato nella piattaforma hardware per minimizzare il rumore introdotto dal DAC stesso. Questa è la più alta qualità del suono possibile.

MQA RENDERER

Questa nuova classe di dispositivi può ricevere un segnale da un decoder MQA e completare lo sviluppo con la finale conversione D/A. Un Renderer MQA indicherà 'stream lock' ma non è in grado di decodificare un flusso MQA o di autenticarlo e visualizzare la provenienza (questo lo faro il Core).
MQA Renderer è disponibile per "portable devices" (come cuffie attive o amplificatori portatili) e per circuiti integtrati. Può essere considerato un upgrade a basso costo per la riproduzione di musica codificata in MQA. 

La certifica della Provenienza

Provenienza e standard tecnici sono cose completamente diverse. Un file musicale può essere modificato dopo il rilascio dell'artista, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata. Generalmente, nel processo di produzione musicale, viene concordato un mix / mastering finale tra artista, produttore e mastering engineer. Questa versione precede i rilasci di distribuzione, alcuni dei quali possono includere ulteriori elaborazioni come EQ per LP, Mastering per iTunes (MFIT) o CD, oppure per formattare la conversione in modo da fornire una scelta per il download ad alta risoluzione. Ciò significa che il progetto originale può utilizzare frequenze di campionamento o profondità di bit diverse (inferiori o superiori) rispetto alle varie versioni nella catena di distribuzione. La certifica della provenienza di un file MQA, è indicata quando lo si riproduce ed indica una sorta di approvazione rilasciata dall'artista o produttore discografico.

Le versioni certificate MQA  Studio (accensione di un led blu sul player - stando allo standard MQA) danno la conferma che la qualità artistica è stata approvata direttamente da ingegneri, produttori o artisti. MQA Studio autentica che il suono che si riproduce è esattamente come concepito in studio quando la musica è stata registrata e mixata e, implicitamente, che questa è anche la versione definitiva.
Un secondo livello, MQA (led verde sul player) è disponibile per indicare che la provenienza, sebbene il flusso sia autentico e non successivamente manipolato, può essere incerta o non è ancora la versione finale autenticata dagli artisti o ingegneri.
La codifica MQA Studio è effettuata in studio di registrazione, nella catena di distribuzione commerciale o in circostanze specifiche per conto di un rivenditore o fornitore di servizi.
L'autenticazione MQA Studio è riservata alle registrazioni nuove o rimasterizzate preparate dopo l'anteprima di studio o per le registrazioni in cui il titolare dei diritti è in grado di affermare definitivamente che la fonte è la versione originale.
Per certificare un file MQA Studio, i tecnici verificano i processi di importazione e codifica effettuando numerosi controlli sull'audio in ingresso per evitare che errori come file con bug o incoerenti vengano distribuiti. L'encoder poi esegue la codifica MQA partendo dal file in alta definizione (maggiore di 16bit e 44,1KHz).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Usando Roon come gestore della libreria è possibile visualizzare i flussi audio digitali nel loro formato. Qui si evidenzia che l'autenticazione è MQA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sempre con Roon, qui abbiamo modo di verificare che il file che stiamo riproducendo non è solo MQA ma MQA Studio, per cui una garanzia di provenienza.

 

Dove trovare musica MQA

La musica in formato MQA la si può trovare principalmente in TIDAL, uno dei migliori sevizi di straeming musicale. Bisogna ovviamente avere un abbonamento HiFi, che consente lo streaming nella massima qualità.

NUGS.NET è un servizio di streaming musicale specializzato in musica live: MQA può lavorare attraverso le sue workstation di codifica anche in real-time trovando applicazioni anche in live streaming.

Un altro servizio salito da poco sul carro MQA è DEEZER, presente su molti apparecchi, di tutte le fasce di prezzo e prestazioni. 

La musica in MQA, oltre che via streaming è possibile scaricarla: i siti che offrono la possibilità di acquistare musica in questo formato sono 2L, ONKYO MUSIC, HIGHRESAUDIO e NUGS.NET.

 

MQA nei prodotti del catalogo Adeo Group

All'interno del catalogo Adeo Group la famiglia più importante che integra decoder MQA Core, è la famiglia dei processori CONTROL4. Grazie all'ultima versione dell'OS 3.0, la decodifica MQA è presente in tutti i processori: EA-1, EA-3 ed EA-5. Questo permette agli integratori che usano prodotti Control4 di offrire ai loro clienti finali un sistema multiroom scalabile a livelli Hi-End usando anche DAC esterni per esempio. Partendo da un servizio di streaming come Tidal, che offre file MQA, è possibile progettare un sistema con un unico provider di musica in cloud, che sia flessibile a livello qualitativo per ambienti diversi.

Alcuni dei prodotti INTEGRA (DRX-xx), avranno la possibilità di decodificare MQA. Un che già lo implementa come decodifica è il DTM-6. Il caro Paul Slater (Integra European Sales Manager) che ci legge sempre con attenzione, ci darà ulteriori informazioni sui prodotti a catalogo che supporteranno ufficialmente questa codifica.

Altra gamma di prodotti che integrano al meglio la codifica MQA sono i prodotti MERIDIAN. MQA, per chi non lo sapesse è nata in casa Meridian, da una delle mente più brillanti al mondo per quanto concerne la psicoacustica e l'audio digitale: Bob Stewart. Tutti i nuovi controller hanno la possibilità di essere MQA CORE o FULL DECODER. Con Meridian si avrà una catena di distribuzione totalmente digitale con qualità MQA fino al DAC contenuto all'interno del diffusore attivo.

Il prodotto Hi-End per eccellenza che abbiamo a catalogo, che è FULL DECODER è il player digitale MARK LEVINSON n°519. Un autentico gioiello sotto tutti i punti di vista.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Please reload

Cerca per tag